“Quanto accaduto oggi in consiglio regionale è di una gravità inaudita. Il Movimento 5 Stelle ha prima impedito che il ricordo delle vittime degli attentati di Parigi avvenisse nel clima di raccoglimento che meritavano i fratelli e le sorelle francesi caduti per mano dei terroristi dell’Isis e poi ha impedito il dibattito sulla legge per il riordino del servizio idrico integrato”. Lo dichiara il presidente del Partito democratico campano e consigliere regionale Stefano Graziano che spiega: “Abbiamo approvato la legge che la Campania aspettava rendendo vane le manovre ostruzionistiche. Ora avvieremo una campagna di informazione tra i cittadini perché in giro ho sentito troppe imprecisioni e informazioni errate. Abbiamo rispettato l’esito del referendum del 2011 e affidato la gestione ai sindaci”. “Il consiglio regionale non è un palcoscenico dove fare sceneggiate. Spero che i 5 Stelle si rendano conto di aver tenuto un comportamento non rispettoso del’ istituzione in cui siedono e di tutti i cittadini campani che ci hanno assegnato il compito di legiferare e risolvere i problemi del territorio”. “Rivolgo, infine, la mia solidarietà alla presidente Rosetta D’Amelio che dopo quanto accaduta in aula è dovuta andare in ospedale per accertamenti. Questa non è democrazia ma un becero tentativo di prevaricare con la forza l’attività legislativa”, conclude Graziano.